LAZIO

Valle di Comino: 9 generazioni di pastori

Di
-
23 Febbraio 2020

UNA VALLE INCANTATA

Siamo ritornati in  Lazio nella valle di Comino circondati nuovamente dalle montagne e dal verde dei pascoli. Una terra, questa, che ha sempre visto pascolare i vari greggi di bestiame e qui sorge l’azienda Agricola San Maurizio che da 9 generazioni, custodisce la tradizione della transumanza e delle loro radici. (QUI troverete l’articolo sul nostro primo incontro)

paesaggio

” Le scelte aziendali, come la razze degli animali fino alla tipologia di formaggio, sono tutte fortemente legate al territorio”

Siamo nel comune di Settefrati in provincia di Frosinone, qui il territorio conserva ancora quel fascino incontaminato dei paesaggi tipici dell’Appennino.  Una valle che nasconde molte perle come il paese di Isola Liri e la sua cascata oppure il santuario della Madonna del Canneto e ancora il lago di Posta Fibreno.  Si alternano ai boschi i terreni adibiti al pascolo creando così un mosaico di colori che cambia nell’arco dell’anno.

AGRICOLA SAN MAURIZIO

Un’arte, quella del formaggio, tramandata a voce fino ad oggi. In questa azienda si respira la tradizione di un tempo quando si arrivava fino in Puglia a piedi per far pascolare il gregge. La continua ricerca e riscoperta dei prodotti della memoria di questa valle è la forza che muove l’azienda Agricola San Maurizio; la filiera a km 0  permette di gestire tutte le fasi del processo produttivo e di tenere sotto controllo la qualità del prodotto. I formaggi esclusivamente a latte crudo preservano i sapori dei pascoli e cambiano con il divenire delle stagioni; vengono lavorati secondo metodi tradizionali tramandati nel tempo a voce. La loro produzione comprende: il pecorino di Picinisco DOP, la marzolina Presidio Slow Food, la ricotta sia fresca che salata e il burrell (unico prodotto a pasta filata) . 

IN SINTONIA PERFETTA

“Gli animali sono parte integrante della nostra famiglia il resto è secondario”

Gli animali di giorno vengono portati al pascolo mentre la sera rientrano nella struttura; in estate avviene la transumanza dove vengono portati in montagna allo stazzo a quota 1400 mt.  La difesa del gregge dagli eventuali attacchi del lupo e dell’orso è lasciata all’amico fedele dell’uomo: il cane, in questo caso il pastore maremmano. Le razze allevate  sono prevalentemente autoctone; le pecore si dividono in massese, commisana e sopravissana; le capre: grigia ciociara, capestrina e bianca monticellana mentre per le vacche è stata scelta la razza Bruna. Queste razze sono state selezionate dopo una lunga ricerca e da questi capi di allevamento si ricavano le varie tipologie di latte per i differenti formaggi.

CASEIFICI AGRICOLI
Come mai avete deciso di entrare a far parte di Caseifici Agricoli?

Ci piaceva l’idea che anche in Italia ci fosse un riferimento per le aziende come noi; un’iniziativa che ci accumunasse come caseifici e come allevatori, quindi sin da subito abbiamo sostenuto Caseifici Agricoli.

due persone

Seguiteci sui nostri social per conoscere gli sviluppi di questo viaggio nei sapori Italiani.

TAGS
ARTICOLI SIMILI

LASCIA UN COMMENTO

ANDREA ZANDRI & GLORIA CERCAMONDI
MONTEPORZIO (PU)

Siamo una coppia di giovani ragazzi, amanti della natura, con la passione del viaggio e del buon cibo. Abbiamo deciso di rivivere le tradizioni e raccontarle in questo blog. Attraverso foto e video cerchiamo di svelare il lavoro e la passione che si celano dietro le tipicità Italiane.

Newsletter

Seguici su Facebook
MARCHE AND BIKE