PRODUTTORI TOSCANA

Due biciclette, tre regioni: il viaggio continua in Toscana

Di
-
2 Ottobre 2019

Il bello del viaggio è incontrare sempre nuove persone. A Sarzana, dove abbiamo sostato questa notte ci sono due ragazze Olandesi, una coppia di Inglesi con il loro bambino e verso l’ora di cena è arrivata una coppia di Tedeschi anche loro in bicicletta, è bello potersi confrontare con persone di diversi paesi, si apprendono sempre cose nuove. Anche questa volta è tornata a farci visita la pioggia e ci ha colto alla sprovvista, proprio questa mattina che dobbiamo ripartire. Aspettiamo che la tenda si asciughi, rimpacchettiamo tutto e partiamo.

Oggi sarà una tappa abbastanza corta, quasi tutta pianeggiante e finalmente raggiungeremo la terza regione di questo viaggio. Lasciamo il camping Oasi del bel vivere e attraversiamo i paesi di Sarzana e San Lazzaro, l’ultima località della Liguria. Le Alpi Apuane alla nostra sinistra sono coperte da un cappello di nuvole mentre alla nostra destra il Mar Tirreno ci accompagna lungo la strada. Ci fermiamo a Marina di Massa per riposarci poi riprendiamo la strada fino a Marina dei Ronchi e verso le sedici siamo già dal primo produttore della Toscana.

ANTICO ULIVETO

Cristina e Massimo cercano di preservare la varietà di olivo Quercetano, una cultivar preziosa che rischia di scomparire. Le qualità di questa varietà sono innumerevoli prima fra tutte, la resistenza del frutto all’attacco della mosca dell’olivo. I profumi sprigionati dall’olio sono molto gradevoli e per le sue qualità si presta bene anche nel campo della cosmetica. Crisitna ci racconta la battaglia che sta portando avanti da diverso tempo contro l’abbattimento di queste piante. All’interno del loro ristorante organizzano degustazioni di vino e di olio, essendo Massimo un grande estimatore ed esperto del mondo dell’enologia.

Dopo questa bella passeggiata nel loro uliveto secolare è ora di riposarci un po’. Da domani si torna a salire nelle colline Toscane.

Se l’articolo vi è piaciuto e non volete perdervi i prossimi iscrivetevi alla news letter e seguiteci sui nostri canali social.

TAGS
ARTICOLI SIMILI

LASCIA UN COMMENTO