LIGURIA PRODUTTORI

Nel cuore della Liguria

Di
-
19 Settembre 2019

Tre giorni di meritato riposo, dovuti anche alla pioggia che è tornata a farci compagnia. Come sempre in questi giorni di pausa ne approfittiamo per portarci avanti con il lavoro e questa volta anche per fare un bel giretto a Genova. A circa 1 chilometro di distanza dalla nostra casetta si trova la stazione del treno monorotaia che da Casella porta a Genova. Arrivati in città facciamo un piccolo giro e una capatina in qualche negozio per svagarci un po’.


Corriamo in stazione, chiedendo informazioni qua e là per accorciare il percorso e riprendere il trenino,  con le buste (abbiamo quasi imparato a fare una spesa adeguata alle nostre esigenze) ci accingiamo ad affrontare le terrbili rampe che ci separano dalla nostra casetta di legno. La mattina dopo è ora di riprendere il viaggio, salutiamo tutti e li ringraziamo di averci accolti, in questi giorni.

Scendiamo verso Pedemonte passando per San Cipriano e poi Campomorone e “come sempre” l’ultima salita ci aspetta, questa volta prima di arrivare da Marta Vigo e le sue caprette.

AZIENDA AGRICOLA PILAN

Arrivati da Marta, una giovane allevatrice di capre, ci accoglie con i suoi formaggi per una merenda energetica. Mangiamo qualcosa, appoggiamo le bici e accompagnamo Marta al pascolo per scambiare quattro chiacchere e ne approfittiamo per intervistarla perdendoci nella bellezza di questo posto. Lei e il suo ragazzo custodiscono questi prati con amore e passione rispettando la natura e producendo prodotti di qualità, molto apprezzati dai loro clienti come ci racconta in questa intervista.

Tornati dal pascolo Marta ci offre un bicchiere di latte appena munto: non possiamo rifiutare questa opportunità. Prima di cena lei e il padre ci vogliono far vedere un luogo a dir poco stupendo. Ci portano alla Basilica della Guardia da dove è possibile vedere tutta la conformazione della Liguria. Rimaniamo ammaliati dal quel posto, ci raccontano che nelle giornate più limpide è possibile scorgere la Corsica e anche se noi non siamo riusciti a vederla quel luogo merita veramente di essere visitato.

E a cena la mamma di Marta ci prepara un ottimo piatto di pasta al pesto, ovviamente non mancavano i formaggi della loro azienda così concludiamo la serata parlando del più e del meno per poi ritirarci in tenda e ripartire la mattina dopo.

Dobbiamo ringraziare Marta che ci ha fatto conoscere il mondo dei caseifici agricoli e l’iniziativa open day. Siamo orgogliosi di aver collaborato con questa iniziativa durante il nostro viaggio e di certo visiteremo in futuro altre aziende che aderiscono a questo progetto.

Se l’articolo vi è piaciuto e non volete perdervi i prossimi iscrivetevi alla news letter e seguiteci sui nostri canali social.

 

TAGS
ARTICOLI SIMILI

LASCIA UN COMMENTO