EMILIA ROMAGNA PRODUTTORI

La ligustica Italiana e il suo miele biologico: Api libere

Di
-
3 Settembre 2019

I colori dei fiori, il rumore della pioggia, il profumo della campagna, mille emozioni diverse ci hanno accompagnato in questo inizio di viaggio. Tante difficoltà superate che vi racconteremo volta per volta in questi articoli.

 

DA NONANTOLA A REGGIO EMILIA

Salutiamo tutti quanti al B&B e ripartiamo verso Reggio Emilia per incontrare il terzo produttore di questo viaggio.  Lasciamo  Bomporto e passiamo per Sorbara: ancora è possibile sentire il profumo del Lambrusco nell’aria. Ci dirigiamo verso Carpi e ci accorgiamo di non amare le strade  diritte, lunghe e trafficate  ma poi tutto passa e lascia spazio allo stupore quando si entra in una città come Carpi. Cerchiamo di fare un tour veloce della città, arriviamo in piazza dei Martiri e veniamo circondati da persone curiose vedendo le nostre biciclette cariche in quel modo, così ci perdiamo in qualche  chiacchera e ne approfittiamo per farci scattare una foto. Mangiamo una banana e ripartiamo chiedendo qua e là qualche informazione per arrivare a Reggio Emilia evitando le arterie principali. Ci viene suggerita una ciclabile che costeggia la statale,  così ci avviamo sempre con il maltempo sopra di noi.

Circondata da campi di papaveri e invasa da erbe infestanti, percorriamo la ciclabile che per lo meno ci evita di passare in mezzo al traffico della tangenziale. Siamo quasi arrivati, ora ci manca solo capire come passare in sicurezza la città di Reggio Emilia. Fortunatamente quasi tutti i grandi centri abitati di questa regione sono attraversati da piste ciclabili. Superiamo la città, buttiamo nell’apposito raccoglitore il sacchetto di spazzatura raccolto durante il tragitto e arriviamo a Codemondo dalle ragazze di Api Libere.

API LIBERE

Annalisa e Veronica, due ragazze giovani che hanno a cuore la loro terra, hanno deciso di tramandare le tradizioni ereditate dai nonni di Annalisa e di creare prodotti buoni, genuini, rispettosi di un ambiente ormai contaminato da agenti chimici. Inoltre hanno lanciato l’iniziativa “ADOTTA UNA LIGUSTICA” (una specie autoctona di api) tentando di salvaguardarne la sopravivvenza e sensibilizzando le persone verso questi animali fondamentali per l’ecosistema.

 

Se anche voi volete adottare un’ape cliccate QUI

Dopo un buon cucchiaio di miele lasciamo le ragazze alle loro api e noi raggiungiamo, sotto un acquazzone  la casa di Tiziana che ci ospiterà per i prossimi tre giorni. Se non volete perdervi i prossimi articoli e rivivere il viaggio insieme a noi iscrivetevi alla news letter e seguiteci sui nostri social.

                                                         

TAGS
ARTICOLI SIMILI

LASCIA UN COMMENTO