TRENTINO

SAPORI DEL TRENTINO

Di
-
30 Settembre 2018

Una vacanza per allontanarsi dalla solita routine quotidiana e ritrovare se stessi. Un viaggio tra i sapori, tradizioni e paesaggi del Trentino.

VAL DI PEIO

Una settimana intensa per “Lo zaino dei sapori”, tra paesaggi mozzafiato e prodotti di alta qualità. La val di Peio, famosa per le sue acque minerali e le sue terme, offre anche la possibilità di viaggiare nella storia, con escursioni tra le trincee e la visita al museo di guerra di Peio paese, senza dimenticare le tipicità che caratterizzano questi luoghi, un vero e proprio paradiso per il nostro blog. Grazie ai consigli di Flavio e Marina , titolari dell’Hotel Santa Maria di Peio, la nostra esperienza è stata unica.

AZIENDA AGRICOLA LUALDI

Marco Lualdi, uno dei produttori che abbiamo incontrato in questa esperienza, proprietario dell’omonima azienda agricola, ci ha raccontato il lavoro e la passione che occorrono per produrre il Casolet. Seguendo le orme del nonno e del padre, nel 2007  Marco decide di ampliare la stalla che già possedeva e di aumentare il numero delle vacche.  Il bestiame viene portato al pascolo dalla fine di maggio all’inizio di ottobre: questo rende il formaggio più profumato e intenso. Per avere  un’ottima qualità del latte, Marco ci rivela che bisogna limitare lo stress dell’animale al minimo, fattore questo che incide molto sulla sua longevità. Uno dei prodotti di punta dell’azienda è il Casolet, un formaggio a pasta cruda, tenera, morbida, che si consuma generalmente fresco o semi stagionato. In questi casi esprime soprattutto sentori lattei ed erbacei, tutta la ricchezza del latte intero, grande morbidezza al palato e sensazioni gustative che vanno dall’acido al dolce. Si presenta con una pasta di colore bianco o paglierino chiaro e un’occhiatura rada e piccola. Questo formaggio, può essere usato come fonduta e base per i gustosi canederli allo speck. Una ricetta sfiziosa per comprendere al meglio questi sapori tipici Trentini. La ricetta originale dei canederli la potete trovare nella sezione “RICETTE” di questo blog.

 

MACELLERIA SPECK HAUS

Altro prodotto tipico è lo speck, che nasce dalla necessità del contadino, di conservare la carne per lunghi periodi. Come ci spiega Dante, proprietario della macelleria Speck Haus, la coscia del maiale,dopo essere stata divisa in diverse parti, viene lasciata per 21 giorni nella salamoia composta da sale, pepe e varie spezie. Trascorso questo periodo, Dante fa affumicare lo speck, seguendo la tradizione tramandatagli dal nonno materno. Nella stanza di affumicatura viene usato legno di faggio e ginepro. Dopo alcuni giorni vengono aperte le finestre per far entrare aria fredda di montagna ed eliminare così l’umidità. Lo speck di miglior qualità viene fatto stagionare per molti mesi. Con lo stesso procedimento , variando spezie e taglio di carne, Dante produce all’interno della sua macelleria la lucanica, anche questo un prodotto tipico del trentino.

 

 

 

TAGS

LASCIA UN COMMENTO